Accedi al tuo account

Se sei già registrato accedi al tuo account con le tue credenziali.

Registrati

Creare un account è semplicissimo. Grazie al tuo account potrai monitorare la consegna dei tuoi acquisti, gestire i tuoi dati personali, beneficiare di offerte esclusive e molto altro.

Crea il tuo account
close

risultati ricerca

close
Il carrello è vuoto

Storia

L'Azienda Di Prisco nasce nel 1994 in contrada Rotole a Fontanarosa, piccolo centro immerso nel verde dell’Irpinia. Pasqualino Di Prisco decide di avventurarsi nel mondo del vino e si dedica con passione alla coltura della vite. I vigneti selezionati e scrupolosamente curati fanno da sfondo ad una produzione aziendale che antepone la qualità alla quantità.

Ed è esclusivamente in azienda che le uve dei propri vigneti vengono trasformate e sottoposte all’interno ciclo di produzione. I vini, ottenuti nel rispetto delle tradizioni e al tempo stesso con l’uso delle più moderne tecnologie enologiche, vengono confezionati secondo le più attente norme igieniche per poi essere immessi sul mercato, pronti ad accompagnare le pietanze più prelibate.

Nel ‘97 va in bottiglia la prima annata di Taurasi, sarà un anno importante, che sancirà l’inizio della produzione di grandi rossi da invecchiamento, che hanno dato e danno soddisfazioni a Pasqualino.

I vigneti si collocano tra i 400 e i 500 s.l.m., su terreni prettamente argilloso-calcarei, sabbiosi ed esposti a sud-est. Oggi l'azienda ne conta c.a. 10ha.

Oltre ai classici, dal 2005 Pasqualino introduce una selezione di Greco di tufo, il “Pietra Rosa”, un bianco da invecchiamento per il suo carattere forte. Nel 2014 nasce una seconda selezione di bianco il “Vigna Rotole”, dal vitigno di Fiano, che prenderà il nome dalla contrada in cui è situata l’azienda.

L’azienda oggi conta otto etichette, sei bianchi e due rossi, tra cui le tre DOCG presenti in Irpinia Taurasi, Greco di Tufo, Fiano di Avellino. Le due selezioni Pietra Rosa e Vigna Rotole, Coda di Volpe, Irpinia Campi Taurasini e Falanghina.

La produzione media annua che si aggira tra le 60-70mila bottiglie si divide su tutto il mercato italiano con riferimenti esteri quali Stati Uniti, Canada, Inghilterra, Belgio, Germania.